Lo Stemma

 

Lo sfondo rosso, a rievocare il sangue del martirio e della fedeltà a Cristo effuso da Pietro, il primo Papa, a cui è dedicata l’Associazione. Al centro, le chiavi decussate, il simbolo del potere sulla Chiesa nascente dato dallo stesso Cristo al Principe degli Apostoli: “Tu sei Pietro (…) A te darò le chiavi del Regno dei Cieli…”. In alto, l’ancora, segno distintivo di “Santa Maria della Speranza”, Patrona di Battipaglia, dove il Movimento nacque nel 2005 grazie a una felice intuizione del Cardinale Francesco Marchisano, all’epoca Arciprete della Basilica Patriarcale di San Pietro in Vaticano, e del giornalista Gianluca Barile. In basso, una croce bianca, sempre su sfondo rosso, a voler richiamare sia lo stemma episcopale del Cardinale Marchisano, deceduto il 27 Luglio del 2014, sia la bandiera svizzera, Paese natale dell’attuale Presidente Onorario, il Cardinale Kurt Koch. Dopo tredici anni e tanta strada percorsa in tutto il mondo, con proprie delegazioni in 63 diversi Paesi, l’Associazione Internazionale “TV ES PETRVS” cambia lo stemma, aggiornandolo e arricchendolo di tutta la propria storia, ma non la “mission” che l’ha caratterizzata sin dalla sua fondazione: servire il Papa, Vicario di Cristo e Successore di Pietro, come colui che presiede nella Carità e, quindi, servire il prossimo; manifestare con le proprie opere e la propria vita, la fedeltà al Papa e al Vangelo; portare l’Annuncio del Vangelo a chi ancora non lo ha conosciuto. Il nuovo stemma è stato realizzato da Giuseppe Quattrociocchi, tra i principali esperti di araldica ecclesiastica.